Pagine

mercoledì 17 aprile 2013

AKU - "Love Is A Weapon"


A cura di John Tag

Contaminazione è la Password per entrare dell'universo "AKU "

Contaminazione è un termine dal molteplice significato, infatti, per contaminato possiamo intendere l’essere “infettato” o “inquinato” oppure essere il “risultato della fusione di diversi elementi”. Ma ”Contaminazione” è anche una password che noi possiamo usare per entrare in una realtà musicale multidimensionale, piena di sonorità e fusioni armoniche particolari ed inebrianti che subito ci avvolgono e ci rapiscono per un viaggio affascinante che vorremmo non finisse mai.

E’ questo il mondo di “Augusto Pallocca”, in arte “AKU”, nel suo ep “Love Is A Weapon”, un’opera complessa e “contaminata” da generi musicali diversi. AKU, un artista poliedrico e dalle mille sfaccettature, nasce a Velletri nel 1982 e viene sin da piccolo educato all’amore per la musica, dal padre sassofonista (da qui il suo amore per il sassofono).

In questo ep, interamente scritto e musicato da lui stesso e realizzato in collaborazione con Luca “Freon” D’Angelo, Matteo “Yoru” Soru (Fire Flowerz) e Davide Borri (m2o), è sicuramente ispirato dal Jazz, dalla musica Dubstep e da gruppi come “Ital Tek” e “Four Tet”, ma sicuramente esplora e attinge anche dalla House, dal Groowe, dai ritmi Afro, dalla Dance, ma anche, a mio avviso, dallo”Space Rock” elettronico di nicchia di “Aron Scharfegger”, meglio noto come “ARNIOE”.

Degne di nota sono le grandi voci di:
- Valentina Lupi nel brano Hip Hop “L’Unica Arma” in cui duetta con un AKU in versione rapper.
- Valeria Rinaldi in “Sparkling Wine”, brano dalle sonorità gradevolmente “Smooth jazz” (più classicamente dance nella Versione Fire Flowerz Rmx). 

Love Is A Weapon” è un disco composto da 7 brani finemente arrangiati e dal sapore internazionale, architettato minuziosamente ed in cui si evince facilmente la notevole cultura musicale dell’artista che spazia, con ardita consapevolezza, tra le sue diversissime esperienze musicali. AKU è un musicista completo che potrebbe misurarsi, senza alcune forma di “timore reverenziale”, con colleghi dai nomi più altisonanti che si muovono, in maniera più “disinvolta”, nel mondo del business discografico.










Nessun commento:

Posta un commento